mercoledì 19 ottobre 2011

salve amici voglio raccontare la mia breve storia



  ciao   mi  presento con un mome di fantasia   Gianni  e vorrei raccontarvi  la  mia breve  storia    sono  un ragazzo     di  31  anni     che vengo dalla calabria   e ho un invalidità  del  65%  al polso  destro   essendo invalido  dovrei  avere  diritto   alla pensione  o a un lavoro, invece   niente di  questo. Non  so neanche  io  il  perchè , ho fatto molte domande   di lavoro  in aziende  ma con  esito  negativo     la domandina  per la pensione  di invalidità   lo fatta    per ben  3 volte   sempre con l'esito   del  65%   ora    mi chiedo, cosa devo  fare per   VIVERE...devo  andare  a  Rubare?  o  forse  sto combattendo   contro  un muro  di gomma  che    e il pregiudizio    su  persone non  sane 



LE  ISTITUZIONI   CI  SONO? O  SONO   FANTASMA  IN  QUESTA  ITALIA    O  LE  PERSONE DISAGIATE   SONO CONSIDERATE  CITTADINI DI    CLASSE  B  


Ho   parlato del mio caso  a certe programmi   di rilevanza  nazionale  ma non mi hanno risposto  neanche  se  sono vivo 
anche   noi   abbiamo  diritto    qualsiasi invalidità  o disabilità  abbiamo 

io  adesso  lancio il mio appello  alle  istituzioni 

DAL PRESIDENTE  DELLA REPUBBLICA pur  avendo inviato   2 lettere  e dopo mesi   mi ha risposto  passando  il caso   alla  prefettura   di REGGIO CALABRIA e al  ufficio di collocamento  mirato  della provincia e  al  mio comune  dove  vivo.

ALL PRESIDENTE  DEL CONSIGLIO   "MARIO MONTI"

AL GOVERNATORE   DELLA  REGIONE CALABRIA  "GIUSEPPE SCOPELLITI"

AL    PRESIDENTE DELLA  PROVINCIA DI REGGIO  CALABRIA""GIUSEPPE RAFFA "
   E agli  uffici  che  hanno competenza 
  che il mio caso    possa   essere   preso   A CUORE  perchè ormai non c'è la faccio   più 



per maggiori  informazioni contattatemi  al indirizzo e-mail: dirittoallavoro@live.it

Nessun commento:

Posta un commento